Nuovo progetto della Microsoft per legalizzare la marijuana

 

microsoft

 

La microsoft rappresenta da molti anni una delle aziende informatiche più sviluppate e diffuse del pianeta e oggi si prepara a stupire nuovamente la popolazione mondiale telematica, entrando con prepotenza nel business della marijuana legalizzata.

La nota azienda lavorerà a stretto contatto con la “Kind Financial”, società degli Usa che vanta la maggioranza degli azionisti nello sviluppo del software nella gestione, distribuzione e vendita della marijuana nel suolo americano.

Nonostante i primi segni di scetticismo da parte della maggioranza di utenti, la famosa multinazionale hi-tech investirà per la prima volta su un settore mai esplorato prima, ovvero quello della legalizzazione della marijuana.

La Kind, che si è occupata della produzione di un software di nome Agrisoft Seed to Sale, si occuperà prevalentemente di tracciare l’intero processo vitale delle piante di marijuana, dal semina al ciclo di raccolta, sino alla conseguente vendita in alcuni Stati, dove la marijuana è legalmente acquistabile a scopo medico.

Il fondatore delegato di Kind è David Dinenberg, e in merito a questo tipo di progetto si è espresso così: “L’obiettivo di questo rapporto è sfruttare le risorse di ciascuna azienda per fornire allo Stato, alla Contea e ai Comuni soluzioni appositamente realizzate per il track and trace (dal “seme alla vendita” nel settore della cannabis)”.

Anche Kimberly Nelson, responsabile per le soluzioni dei governi statali e locali Microsoft si è espressa in merito alla questione: “Riteniamo che nel settore ci sarà una significativa crescita. Con la regolamentazione dell’industria, ci saranno più transazioni e riteniamo ci saranno requisiti e strumenti più sofisticato”.

Con la fusione di queste due aziende si prevede l’aumento degli stati aderenti alla legalizzazione della marijuana, cosa che potrebbe verificarsi già con la votazione del prossimo autunno che si terrà in 5 stati, compresa la California, nazione da sempre favorevole alla legalizzazione.

Leave a Reply