E’ scoppiata la guerra tra Polizia e Migranti, ma i TG nascondono la notizia. Condividete la notizia! [VIDEO SHOCK]

Lo sentite? Questo è il suono della rivolta. È il rumore dell’Europa che crolla sotto i colpi dei pali degli immigrati al confine , sotto i lacrimogeni sparati dalla polizia francese a Calais. Queste sono le fiamme dell’inferno di Calais, un gigantesco campo profughi chiamato La Giungla, dove sopravvivono circa 3500 persone.

A Calais è iniziato lo sgombero della Giungla, l’accampamento di profughi più grande di Francia. Azione sospesa dopo gli scontri scoppiati tra migranti e attivisti da una parte e forze dell’ordine dall’altra.

La polizia francese ha tirato gas lacrimogeni contro i migranti che a Calais cercavano di opporsi allo sgombero dell’accampamento dove vivono a migliaia. Alcune baracche sono andate a fuoco. Un’attivista dell’associazione “No Borders” (Niente Confini) è stata arrestata con l’accusa di aver incitato i migranti a opporsi alla polizia.

Guardate l’incredibile video prima che possa essere CENSURATO:

Sull’accaduto si è espresso l’avvocato Marianne Humpbersot, presente sul campo “La prefettura è venuta assieme a delle associazioni, per chiedere alle persone di abbandonare le loro baracche, e per distruggerle”, racconta. “I migranti hanno cominciato a fare resistenza passiva. Alcuni sono saliti sui tetti delle baracche dicendo che non volevano andarsene, che nessuno ha offerto una soluzione per loro, che non sanno dove spostarsi”

L’avvocato conferma che il problema si è solo spostato qualche metro più in là. “Quasi nessuno se ne è andato. Per il momento le persone sgomberate vengono ospitate da altri migranti all’interno dell’accampamento, ma nei prossimi giorni non so cosa faranno. Tante baracche sono ormai distrutte. E ci sono stati cinque incendi causati dai lacrimogeni della polizia”.

La situazione è sconcertante e merita di essere DIFFUSA e CONDIVISA sul web. Nessuno ne parla e i media cercano di nascondere la notizia al mondo intero.

loading...

Leave a Reply